Rinofiller • Rinoplastica Non Chirurgica

Il rinofiller è un innovativo trattamento medico estetico per il rimodellamento del naso, senza chirurgia. Anche noto come rinoplastica non chirurgica, permette la correzione di difetti nasali, congeniti o acquisiti, mediante filler a base di acido ialuronico. Si tratta di un trattamento che si esegue in ambulatorio, senza l’utilizzo di anestesie, bisturi e suture.

Il rinofiller, secondo noi, ha le seguenti indicazioni:

  • camuffare in modo semplice ed efficace difetti nasali quali il gibbo osteo-cartilagineo o una punta senza adeguata proiezione

Rinofiller 1

  • diminuire la larghezza della punta o dell’intera piramide nasale in proiezione frontale aumentando l’altezza complessiva della piramide nasale stessa e ricreando dei punti luce più vicini tra loro

Rinofiller 2.1Rinofiller 2.2

  • attenuare o eliminare la deviazione della piramide nasale utilizzando l’acido ialuronico come un innesto opportunamente inserito dalla parte deviata

Rinofiller 25.05.19

  • ridurre la lunghezza complessiva della piramide nasale ruotando la punta verso l’alto, innalzando l’origine della radix ed avanzando la glabella

Rinofiller 4.1Rinofiller 4.2

  • Correzione di sequelae di rinoplastiche chirurgiche quali, ad esempio, “l’inverted V deformity”, il “sovratip” o il “pinched nose”.

Rinofiller 5.1Rinofiller 5.2Rinofiller 5.3

Questo tipo di trattamento non ha effetti funzionali (non corregge difetti respiratori) per i quali è necessario ricorrere sempre alla tradizionale rinoplastica.

La durata del rinofiller è generalmente superiore a quella dello stesso filler introdotto in altre sedi (probabilmente per una struttura embriologicamente differente dei tessuti vicino alle cartilagini) e dipende comunque dal tipo di filler e di tecnica impiegata.

Il rinofiller, eseguito correttamente e per le indicazioni sovraesposte, è una metodica di medicina estetica che dovrebbe essere effettuata solo da chirurghi che effettuano le rinoplastiche chirurgiche o che almeno hanno fatto un adeguato “training” di anatomia dissettiva, perché richiede una perfetta conoscenza dell’anatomia nasale e delle tecniche di innesto di cartilagine che vengono impiegate nella chirurgia del naso.

Se il rinofiller viene effettuato con tecnica semplificata o inadeguata conoscenza di anatomia chirurgica i rischi sono, innanzitutto quello di rendere il naso più grosso e gonfio in proiezione frontale pur riducendo la visibilità della gobbetta, ma soprattutto quello di compromettere la vascolarizzazione con sequelae che possono essere molto gravi.

In conclusione il rinofiller può essere un’efficace alternativa alla rinoplastica chirurgica, che consente di ottenere un nuovo naso in pochi minuti, senza l’utilizzo del bisturi, né convalescenza e con una spesa molto inferiore rispetto alla chirurgia tradizionale.

I risultati, se le indicazioni e la tecnica sono corrette, sono comparabili ad un intervento chirurgico.

I risultati sono long-lasting, spesso si mantengono stabili per diversi anni, dopo una o due correzioni.

È comunque sempre possibile, per chi lo desideri, effettuare un intervento di rinoplastica, anche dopo essersi sottoposti al rinofiller.


Buongiorno. Oggi vi parlerò del rinofiller, cioè di quella tecnica di medicina estetica che consente di modificare la forma del naso in pochi minuti.
Il rinofiller ha molteplici indicazioni: per esempio può ridurre quella che è la visibilità di un gibbo osteo cartilagineo, può aumentare la proiezione di una punta ma può servire anche per ridurre la visibilità di un naso deviato o per ridurre quella che è, in proiezione frontale, la visibilità di un naso un po’ troppo largo, facendo dei punti luce più stretti; inoltre può ridurre quelle che sono le sequele chirurgiche di una rinoplastica che non è andata troppo bene.

Il rinofiller, a mio parere, va eseguito da un chirurgo plastico o quantomeno da un chirurgo che abbia una grande esperienza in anatomia dissettiva, altrimenti si può rischiare qualche piccolo o grande effetto collaterale, come la visibilità di un naso troppo gonfio, per cui magari in proiezione laterale non si vede più il gibbo ma in proiezione frontale il naso risulta un po’ largo; perché ciò non accada l’impianto va fatto da personale competente, perché va messo come se fosse un innesto di cartilagine ed ecco che i risultati a volte sono incredibili, sono comparabili in tutto e per tutto a una rinoplastica chirurgica perfettamente riuscita.
Inoltre molto spesso i risultati durano molto a lungo, cioè dopo uno o due ritocchi tendono a perdurare per diversi anni. Se volete più informazioni vi consiglio di visitare il mio sito www.lucacravero.it, dove potete leggere quello che vi ho descritto ma in forma più approfondita e vedere i miei casi clinici.
Arrivederci.