Laser Frazionale non Ablativo (Erbium laser)

Il rilascio di energia nei tessuti ripara il danno del tessuto elastico attraverso la sintesi di nuovo collagene ed elastina e provoca una contrazione del derma.

laser frazionale

Il laser non è ablativo, pertanto residua, al termine del trattamento, soltanto un lieve rossore e una sensazione di calore, ma non restano croste, bruciature o abrasioni dell’epidermide.

Il macchinario ha un fuoco regolabile in profondità che consente di trattare un notevole ventaglio di indicazioni cliniche:

  • Smagliature, sia rosse che bianche: le strie distensae appaiono molto più sottili e si assiste alla scomparsa delle classiche zigrinature. Le smagliature più piccole scompaiono completamente. La cute sovrastante risulta più compatta e ringiovanita.
  • Cicatrici acneiche: migliorano moltissimo soprattutto le “rolling scar” e le “box scar”, un po’ meno le “ice pick”
  • Cicatrici post-chirurgiche o post-traumatiche: il laser risulta molto efficace nell’attenuare il rossore, velocizzando il rimaneggiamento dermico
  • Segni di photoaging (rughe del volto, elastosi cutanea): si attenuano molto/scompaiono le rughe più sottili ed in generale la cute risulta più compatta
  • Pori dilatati: il laser erbium riduce sensibilmente l’aspetto a pori dilatati della pelle del volto

Il numero di sedute necessarie varia a seconda del tipo di trattamento e del tipo di pelle, ma in linea generale servono da cinque a sette sedute per trattare almeno una volta tutta la superficie cutanea (circa il 15%-20% a seduta).