Rinoplastica

La rinoplastica è un intervento finalizzato a cambiare la forma e le dimensioni del naso riducendo il gibbo (la cosiddetta gobba) e/o la punta ipertrofica.

Quando all’esame clinico e strumentale si palesano  una deviazione nasale e/o problemi respiratori, associamo alla rinoplastica un intervento sul setto (rinosettoplastica) e/o sui turbinati (turbinotomiaturbinectomia). Per trattare il setto e i turbinati ci avvalliamo della collaborazione di un Otorinolaringoiatra, convinti che, per formazione accademica, gli specialisti in chirurgia plastica siano più portati a trattare “il naso esterno”  e li specialisti in otorinolaringoiatria “il naso interno”.

L’operazione può essere eseguita con approccio esclusivamente interno (rinoplastica “closed”) , ma noi effettuiamo, nella grande maggioranza dei casi  una rinoplastica aperta (rinoplastica “open”) che prevede un piccolo taglio anche in corrispondenza della columella che, dopo alcuni mesi risulta pressochè invisibile.

La nostra preferenza per l’approccio “open” deriva dalla considerazione che l’esposizione del “framework osteocartilagineo consente un modellamento più simmetrico, con la possibilità di dare più agevolmente punti di sostegno e modellamento alle cartilagini dando una stabilità di risultato nel tempo che un approccio “closed” non consente.

L’intervento viene eseguito preferibilmente in anestesia generale, dura dai 90 ai 120  minuti e può essere effettuato in regime di day-surgery o one day surgery. Il risultato estetico definitivo si ha solo dopo circa sei mesi dall’intervento, poiché il gonfiore (edema) post-operatorio del naso è molto lento a regredire del tutto, soprattutto nei nasi maschili con una componente tessutale sottocutanea ben rappresentata.

Domande e risposte frequenti sulla rinoplastica eseguita dal Dott. Luca Cravero e il suo Staff a Torino.

E’ un intervento doloroso?
Diversamente da quanto si possa pensare, la rinosettoplastica generalmente non è dolorosa.

I tamponi sono sempre necessari?
No, se si effettua una rinoplastica non sono necessari, se si esegue una rinosettoplastica sono preferibili perché riducono il rischio di complicanze.

I tamponi nasali sono fastidiosi?
Se si è abituati a  respirare con il naso onestamente i tamponi sono fastidiosi perché bisogna “imparare” a respirare con la bocca, ma generalmente li rimuoviamo dopo 24 ore, prima delle dimissioni. La rimozione, diversamente da quanto si possa pensare, non è affatto dolorosa, basta effettuarla con gli accorgimenti opportuni.

Dopo l’intervento si vede che il naso “è rifatto”?
Una rinoplastica correttamente eseguita non deve mai creare un naso con “un aspetto chirurgico”, artefatto.

La cicatrice esterna, nel caso di una rinoplastica “open”, sarà visibile?
Generalmente, nel giro di tre mesi, diventa poco o per nulla visibile, in quanto effettuata in un’area dotata di ottima cicatrizzazione.


Alcuni casi trattati con la rinoplastica:

Rinoplastica [foto] 1.1Rinoplastica [foto] 1.2Rinoplastica [foto] 1.3Rinoplastica [foto] 1.4Rinoplastica [foto] 1.5