Radiofrequenza

La radiofrequenza esterna è una metodica basata su di un apparecchio che emette energia termica profondamente nel derma e nel sottostante tessuto sottocutaneo. Il collagene già presente nei tessuti si scalda e si contrae determinando un aumento della tonicità cutanea, una sorta di tiraggio che viene denominato “effetto lifting”. (negli Stati Uniti questo genere di terapia è stata definita “lunch lifting”, o lifting della pausa pranzo). Questo effetto è comunque di breve durata (alcuni giorni). Inoltre il calore prodotto dalla radiofrequenza sollecita la produzione di nuovo collagene che va a rimpolpare i tessuti.

Il trattamento basato sulla radiofrequenza non è invasivo, né doloroso, anche se ad alcune persone l’intenso calore emanato dal manipolo può dare un lieve fastidio.

L’impatto sociale è minimo o pari a zero, può essere presente un lieve rossore che scompare nel giro di alcune ore e dipende dalla reattività cutanea individuale e dalla potenza di trattamento.
Con la radiofrequenza è possibile trattare diversi distretti corporei, il viso, il collo, l’interno braccia e cosce, l’addome ed i glutei. L’intervento può essere effettuato su tutti i fototipi ed anche nei periodi estivi. L’unica limitazione al trattamento è rappresentata dalla cute con la tendenza alla couperose o alla rosacea.

La durata del trattamento è di circa 20 minuti, sono necessarie 4-6 sedute, a distanza di 15 giorni una dall’altra. L’effetto della radiofrequenza si manifesta nella sua pienezza dopo 3- 4 settimane dal primo trattamento e dura da 4 a sei mesi.